FAQ Categoria: informazioni varie | Busatta Piscine

Varie

Quali sono i materiali utilizzabili per il rivestimento della piscina?

Il PVC  è il materiale tra i più usati: è resistente allo strappo, all’usura, agli agenti atmosferici, alla ruggine; è flessibile e di facile lavorazione; permette una posa precisa; può essere sottoposto a trattamento sanatizzante; è antiscivolo e può essere posato su qualsiasi materiale. Esistono foggie e colori diveri sia tinta unita che diverse fantasie. Il mosaico vetroso prevede l’intonacatura con smalti resistenti, è realizzato con tessere antisdrucciolo che permettono di creare innumerevoli decori rendendo la piscina elegante e personalizzata. Tra le soluzioni tradizionali: le piastrelle in ceramica. Con le piastrelle bisogna però fare attenzione alla fase di sigillatura ed è la copertura tipica delle piscine in cemento armato.

Quale copertura scegliere per la mia piscina?

Il mercato offre diverse soluzioni sia nelle fogge che nella spesa. La copertura telescopica removibile con trafilati in alluminio e lastre in policarbonato garantiscono la massima luminosità ed un utilizzo più lungo della piscina in un lasso di tempo compreso tra marzo e novembre. La copertura a tapparella rigida aiuta a contenere il calore accumulato durante il giorno ed offre un a buona sicurezza. La copertura isotermica galleggiante permette ai raggi solari di filtrare riscaldando l’acqua. La copertura con teli ancorati attuabile a bassi costi ma con tempi più lunghi di posa.

Qual'è la giusta collocazione della piscina, in modo da prevenire fastidiosi inconvenienti?

Di certo la piscina dovrebbe stare in una zona soleggiata e ed al riparo da correnti d'aria, così da aiutare a mantenere l’acqua sempre ad una temperatura gradevole.

Qual è il periodo migliore per iniziare i lavori di scavo?

Ovviante prima dell’arrivo dell’estate e comunque durante le stagioni che climaticamente non dovrebbero riservare sorprese meteorologiche e che inevitabilmente allungherebbero i tempi potenziali previsti dall’impresa.

Cosa s'intende per Locale Tecnico?

Per locale tecnico s’intende una vera sala macchine realizzata nelle dimensioni previste in funzione della piscina installata. E’ il vano che accoglie tutti gli strumenti utili per il buon funzionamento della piscina come il filtro, la pompa, il quadro elettrico, il trasformatore dei fari, il collettore di mandata, il collettore d’aspirazione e le valvole d’intercettazione. Può anche accogliere altri strumenti che automatizzano una serie di attività legate al funzionamento della piscina, come ad esempio un'apparecchiatura elettronica che permette l'analisi dell'acqua ed il dosaggio proporzionale dei prodotti chimici. 

 

Cos'è una biopiscina?

Questo tipo di struttura è una via dimezzo tra una piscina e un laghetto artificiale, in quanto solitamente il suo fondale ricorda quello di un lago, con sassolini, ma sotto i quali si trova il fondale artificiale. La principale differenza sta nella pulizia delle acque, che in questo caso avviene con sistemi naturali, a volte attraverso ulteriori vasche adibite solo a ciò, oppure grazie alla presenza di speciali alghe depuratrici, ma comunque senza utilizzare il cloro. In Alto Adige e in Toscana negli ultimi anni si stanno costruendo alcune di queste strutture nei centri abitati più piccoli.

Come faccio a capire qual'è la tecnica più affidabile per costruire la mia piscina?

Le aziende leader di settore consigliano tra i materiali da privilegiare per la struttura della vasca l’acciaio nervato e zincato a caldo che assicura elasticità ed adattabilità nel caso di eventuali cedimenti del terreno, oltre ad assicurare una lunga durata e permettere l’installazione in qualsiasi tipo di terreno. Hanno un elevato risultato estetico, offrono un’infinita modularità nelle forme, oltre che solidità costruttiva. L’installazione è rapida e quindi prevede costi più bassi rispetto alla piscina in cemento armato. Scopri i vantaggi della tecnica costruttiva a pannelli in acciaio di Busatta Piscine. Guarda i video di costruzione della Busatta Piscine a skimmer e a sfioro.

Quando è suggerita una piscina fuori terra?

Nel caso si disponga di uno spazio esterno davvero ridotto, o si desideri realizzare una piscina da poter smontare al termine della stagione, oppure quando non si ha intenzione di fare la richiesta di concessione edilizia o apportare modiche al proprio giardino. Queste piscine, infatti, di solito non richiedono concessioni edilizie e non necessitano di scavi ma di un livellamento del terreno in caso di pendenza. Chiedi consiglio al Concessionario Busatta Piscine.

Quali tipologie di piscine fuori terra sono disponibili sul mercato?

Le piscine “fuori terra” possono essere così catalogate: Piscine in struttura rigida pvc; Piscine in pvc gonfiabili; Piscine in lamiera d’acciaio; Piscine in PVC rivestite in legno; Piscine in Legno. Tra tutte le piscine fuori terra, le piscine in legno garantiscono una versatilità d’inserimento in ogni ambiente, arricchendo e conferendo eleganza e calore ad ogni giardino. Le piscine in legno sono strutture semplici ma con stile e la loro installazione, tipica di piscine “fuori terra”, è semplice e veloce. Per saperne di più accedi alla pagina di questo sito che descrive l'offerta delle piscine in legno.

Piscina a Skimmer? Quali sono le sue caratteristiche?

Per piscina a skimmer s’intende la piscina in cui l’acqua non arriva all’orlo della vasca ma si ferma a 10 - 15 cm rispetto al bordo. Essa prende il nome dalle bocche di aspirazione (skimmer) posizionate sulla parte superiore delle pareti della piscina. Gli skimmer operano una prima scrematura dell’acqua essendo dotati da apposito cestello che trattiene le impurità più grossolane, poi con l'acqua raggiunge l'impianto di filtrazione; l’acqua dell’impianto di filtrazione e purificata è reintrodotta in vasca attraverso bocchette di mandata. Diversamente dal sistema a sfioro, le piscine a skimmer non prevedono la vasca di compenso, in quanto si tratta di un circuito idraulico chiuso. Il sistema a skimmer, nettamente il più diffuso in ambito privato, offre un ottimo rapporto prezzo / qualità sia per la costruzione sia per la manutenzione.

 

 

Piscina a Sfioro? Quali sono le sue caratteristiche?

Le piscine a sfioro si caratterizzano per l’acqua che arriva fino a filo pavimento, fuoriesce e passa attraverso griglie disponibili in materiali diversi che circondano il perimetro della piscina. Il bordo sfioratore può essere inserito su tutto il perimetro della vasca oppure su una porzione del suo perimetro. L'acqua è quindi indirizzata ad una vasca detta di compenso posizionata tra la piscina e l’impianto di filtrazione (all’interno del locale tecnico). Lo scopo di questa struttura è quello –appunto- di “compensare” le perdite d’acqua dovute all’immersione delle persone in piscina. Immergendosi in piscina, il volume del corpo alza il livello dell’acqua che defluisce dal bordo sfioratore; nel momento in cui si esce, il livello dell’acqua non arriverà più al bordo; la necessità è quella di ripristinare il livello. Ecco la ragione della necessità della vasca di compenso: un serbatoio per integrare il volume dell’acqua. L’acqua dalla vasca di compenso verrà poi recuperata, filtrata, e rimessa in piscina tramite le apposite bocchette d’immissione. La vasca di compenso ha misure variabili in base alla superficie della vasca natatoria.
Tra gli aspetti positivi da evidenziare: il sistema di sfioro consente, attraverso la tracimazione dell'acqua, l'immediata fuoriuscita delle impurità che si depositano a pelo d'acqua, mantenendo la vasca sempre molto pulita. Si aggiunge la risultante estetica di questo sistema: sono piscine che sembrano appese nel nulla, veri e propri specchi d’acqua che esaltano i giochi di luce. Di certo è una scelta raffinata, per quanto più costosa rispetto alla piscina a skimmer, considerando che si tratta di un sistema più complesso.
 

Le piscine Interrate possono essere installate solo in giardino?

Le piscine interrate possono essere installate non solo nei giardini, ma anche nelle taverne e sui terrazzi, ma sempre con opportuni accorgimenti e calcoli tecnici. Chiunque abbia a disposizione uno spazio adeguato potra' realizzare la propria piscina con tutti i confort per il relax, lo sport e il divertimento, restando comodamente nella propria residenza. Il concessionario Busatta Piscine saprà consigliarvi.

Desidero abbellire l'area della piscina con delle piante. Quali sono le piante meglio indicate e quali quelle da evitare?

Va sempre evitata la vicinanza agli alberi con foglie piccole o aghi che “sporcano” l’acqua e rischiano di intasare i filtri di pulizia. Vanno evitate anche le piante produttrici di pollini (ad esempio frassino, acero, pioppo e salice), come quelli da frutto in quanto attirano gli insetti. Sono invece indicati i sempre verdi d’altezza medio-bassa evitando che facciano ombra alla piscina. Tra le piante adatte al contesto di una piscina, per citare quella tra le più note, il rosmarino (Rosmarinus officinalis), arbusto aromatico noto a tutti; è l’ideale accostamento a una vasca d’acqua in quanto richiede poca manutenzione essendo privo di fogliame e di ricambio. Se si gradiscono piante con fioriture, consigliamo l’Iris Pseudacorus, o giaggiolo acquatico; è una pianta erbacea perenne con un grosso rizoma ramificato, perfettamente naturalizzata nei nostri climi. Sviluppa un grande fogliame dalla primavera all’autunno con fioriture di colore giallo. D’inverno il bulbo sopravvive ripresentandosi in primavera. E’ ottima per delimitare e formare macchie di colore in ambienti umidi. Intorno alla piscina è un valido componente in quanto non sporca eccessivamente perdendo il fogliame solo in autunno.

 

 

Quanto sono resistenti i Pannelli in Acciaio?

La struttura Busatta Piscine è costituita da Pannelli in acciaio N125 NERVATI e ZINCATI A CALDO, un materiale di provata durata e resistenza; Ecco perché è utilizzato in situazioni estreme e molto specifiche:

 

Utilizzazione per la sua durata nel tempo

Gard-rail di sicurezza sulle autostrade.

Copertura dei tetti di edifici.

Tralicci e pali per linee elettriche.

Piattaforme petrolifere.

Sbarramenti marini.

 

Utilizzazione per la sua resistenza meccanica

Silos per immagazzinamento di cereali.

Tunnel e gallerie.

Costruzioni piattaforme di trivellazione off-shore.

Ponti per ferrovie, autostrade, e per il passaggio di tubature.

Torri per ski-lift.